play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
volume_up
chevron_left
  • cover play_arrow

    Onda Web Radio Diamo voce a chi non ha voce!

45 Giri

Toto Cutugno – L’Italiano (1983)

todayMarzo 7, 2022 2

Background
share close

“L’italiano” venne lanciata nel 1983 al 33° Festival di Sanremo da Toto Cutugno, Salvatore all’anagrafe, che ne è anche l’autore insieme a Cristiano “Popi” Minellono. In realtà, il brano, era già stato composto nel 1981 ed era destinato ad Adriano Celentano che, però, declinò l’invito e non lo incise mai. Al Festival, “L’italiano” arrivò solo quinto ma la sua grande forza si iniziò ad intravedere dal successo ottenuto nella speciale classifica “Totip” che potrebbe essere vista come l’attuale televoto. Inoltre, Cutugno, si piazzò secondo anche per il Premio della Critica assegnato ai Matia Bazar per “Vacanze romane”. Anche le vendite, confermarono, l’ottimo riscontro sul pubblico de “L’italiano” che risultò il secondo disco più venduto tra quelli del Festival mentre, a livello internazionale, fu quello più venduto. Questi buoni risultati, però, non rendevano ancora l’idea di cosa sarebbe diventata in futuro questa canzone: “L’italiano”, infatti, oltre ad essere il brano simbolo del ricco repertorio di Cutugno sarà anche una delle canzoni più rappresentative del nostro Paese nel mondo e risulterà tra le più conosciute ed amate insieme a brani del calibro di “Nel blu dipinto di blu” di Domenico Modugno, “Caruso” di Lucio Dalla o ai classici napoletani. Il testo della canzone parla di pregi e difetti dell’italiano medio di quegli anni, tra un approccio meno coinvolto alla fede religiosa per un crescente stile libertino alla passione calcistica fino allo spiccato americanismo di quell’epoca che l’autore riassume in “troppa America sui manifesti”. Una sorta di carta d’identità dell’uomo italico che, anche palesando alcuni aspetti negativi, conferma sempre con orgoglio la sua appartenenza alla nazione. Un vero e proprio inno, che tra l’altro, è stata la colonna sonora della vittoria dell’Italia al mondiale di calcio in Germania nel 2006: al termine della finale, infatti, durante i festeggiamenti, dagli altoparlanti dello stadio tedesco uscivano proprio le note di questa canzone. Il celebre brano è stato tradotto in diverse lingue ed è stato oggetto di numerose cover in tutto il mondo interpretate da tantissimi artisti internazionali. La canzone è arrivata persino in Finlandia dove, Kari Tapio, l’ha tradotta in “Olen suomalainen”, ovvero, “Sono finlandese”.

Written by: ondawebradio

Rate it

Previous post

45 Giri

Raf – Cosa resterà degli anni ’80

"Cosa resterà degli anni '80" è un brano portato al successo da Raf, nome d'arte di Raffaele Riefoli nel 1989 ed inserito nell'album "Cosa resterà..." dello stesso anno. Proprio alla fine di questo decennio particolarmente intenso l'artista pugliese scrive questo brano insieme a Giancarlo Bigazzi e Giuseppe Dati regalando una fotografia di quegli anni molto realistica spaziando tra stili di vita, storia politica ed andazzo sociale. Il brano viene presentato […]

todayMarzo 7, 2022 3

Post comments (0)

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


La storia di Onda Web Radio, è la storia di un’amicizia trentennale e della volontà di realizzare un sogno. Francesco Palmieri e Rosanna Bennardo sono i protagonisti di questa storia che negli anni si è trasformata in una realtà in continuo divenire. 

Onda Web Radio e TV

Strada Comunale Grottole

c/o Casa della Cultura

80126 – Pianura (Napoli)

Tel. 334.5044491

info@ondawebradio.com

PARTNERS & FRIENDS
SEGUICI E ASCOLTACI