play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
volume_up
chevron_left
  • cover play_arrow

    Onda Web Radio Diamo voce a chi non ha voce!

45 Giri

Raf – Cosa resterà degli anni ’80

todayMarzo 7, 2022 3

Background
share close

“Cosa resterà degli anni ’80” è un brano portato al successo da Raf, nome d’arte di Raffaele Riefoli nel 1989 ed inserito nell’album “Cosa resterà…” dello stesso anno. Proprio alla fine di questo decennio particolarmente intenso l’artista pugliese scrive questo brano insieme a Giancarlo Bigazzi e Giuseppe Dati regalando una fotografia di quegli anni molto realistica spaziando tra stili di vita, storia politica ed andazzo sociale. Il brano viene presentato al Festival di Sanremo del 1989 ma non riscuote, su quel palco, quel successo che sarebbe venuto in seguito. Nella manifestazione canora la canzone si piazza solo quindicesima ma è nelle settimane successive e poi negli anni a seguire che questo brano ritroverà la sua giusta dimensione riscontrando il piacere del pubblico e stabilendosi tra le canzoni più apprezzate e rappresentative della intera discografia di Raf. Come detto il brano fa riferimento alle manie ed agli usi in voga negli anni ’80, dal successo dei jeans all’uso dilagante di lattine e di spray ma anche agli avvenimenti che stavano cambiando il mondo come gli exploit in politica di Reagan e di Gorbaciov e della sempre più forte presa di coscienza sulla fame nel mondo e sulle sue vittime. Un brano, quindi, che sottolinea un decennio non proprio facile e che ha lasciato dei segni importanti sulla storia dell’umanità ed in particolare nel nostro Paese. Raf, con gli occhi del giovane che è, si interroga sulle prospettive che questi retaggi degli anni ’80 potrebbero provocare nel futuro immediato. Si chiede, quindi, tra rimpianti, sospetti e paure “Cosa resterà?”, cosa davvero sopravviverà di quegli anni così intensi. Ovviamente lo sguardo al futuro viene inteso soprattutto come prospettiva per i giovani dell’epoca: “Anni sui libri di scuola e poi a cosa servirà?”. Ma fra le righe del testo ci sono tanti altri riferimenti legati agli anni ’80: si parla, infatti, di “anni bucati” riferendosi all’eroina che fa sempre più vittime ma anche a nuove prospettive per ciò che riguarda i rapporti d’amore “sempre pronti, io e te, a nuove geometrie” riferendosi ai tanti tabù sessuali che vanno a cadere tra le nuove generazioni. Una canzone, quindi, ricca di argomenti proprio come sono stati gli anni ’80 per chi li ha vissuti. Raf, infatti, sottolineando l’intensità di quel periodo storico in Italia chiude con “sembran già degli anni ’80…per noi quasi ottanta anni fa…” come se quel decennio, per quanto successo fosse, invece, durato ottant’anni. Un brano, quindi, che ha dato una lettura profonda di quel decennio e che ha dato la possibilità agli amanti della musica italiana di lanciare definitivamente un artista importante come Raf, da anni ormai affidabile esponente del nostro panorama musicale.

Written by: ondawebradio

Rate it

Previous post

45 Giri

Marcella Bella – Mi mancherai (1981)

Chi avrà avuto modo di vedere il film “Xanadu” (se non lo avete già visto cercatelo perché è bellissimo!) si ricorderà della sequenza a cartoni animati nella quale si ascolta la E.L.O. di Jeff Lynne in “Don't walk away”. Il grandissimo pezzo viene ripreso l'anno successivo da Marcella Bella che lo utilizza anche come sigla dell'edizione di quell'anno di Domenica in. Anche se la versione originale è oggettivamente irraggiungibile, la […]

todayMarzo 7, 2022 3

Post comments (0)

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


La storia di Onda Web Radio, è la storia di un’amicizia trentennale e della volontà di realizzare un sogno. Francesco Palmieri e Rosanna Bennardo sono i protagonisti di questa storia che negli anni si è trasformata in una realtà in continuo divenire. 

Onda Web Radio e TV

Strada Comunale Grottole

c/o Casa della Cultura

80126 – Pianura (Napoli)

Tel. 334.5044491

info@ondawebradio.com

PARTNERS & FRIENDS
SEGUICI E ASCOLTACI