Erminio Sinni, la tenacia che fa avverare i sogni.

Scritto da il 22 Dicembre 2020

Molti sono i talent che padroneggiano la tv nazionale, e alcuni di essi danno una vera opportunità di successo a chi ha veramente capacità. Uno su tutti è senza dubbio The Voice of Italy, versione italiana dell’omonimo format olandese in cui si sfidano diverse Voci inserite in più squadre capeggiate da 4 coach.

Quest’anno gli ideatori di questo talent hanno deciso di creare The Voice Senior, un’occasione di riscatto per voci over 60 nonché una vera e propria festa della musica. Nella squadra formata da Loredana Bertè ecco che spunta un talento su tutti, una voce nelle voci: Erminio Sinni che lascia davvero tutti senza fiato. Già, ma chi è Erminio Sinni? Lo conosciamo tutti come l’autore di E tu davanti a me ( che molti conoscono come E tu sopra di me ) diventato un tormentone e ancora apprezzatissimo, specialmente dalle radio del Sud Italia, ma il suo amore per la musica inizia fin da bambino. Collabora con vari artisti tra cui Paola Turci, e partecipa come autore nel 1989 per la prima volta al Festival di Sanremo, con il brano Tutti i cuori sensibili. Nel 1992 inizia un rapporto di collaborazione con un altro artista di spicco della musica italiana, Riccardo Cocciante. Prodotto da quest’ultimo, nel 1993 partecipa al Festival di Sanremo, arrivando fino al quinto posto con la canzone L’amore vero.


Sembra l’epilogo di una bellissima storia di successo, ma da allora viene praticamente snobbato un po’ da tutti. Come lui stesso ha raccontato, dal 1993 ad oggi ha presentato ben 27 brani al Festival di Sanremo senza mai essere neanche ascoltato. Ecco che però arriva il riscatto, decide di partecipare a The Voice Senior, facendosi apprezzare dai coach e dal pubblico per ciò che è davvero e per la sua inconfondibile voce, il tutto coronato da una vittoria schiacciante: “La storia l’hai già scritta, ma puoi aggiungere delle belle pagine nuove” è stato il commento di Gigi D’Alessio mentre la sua madrina Loredana Bertè ha aggiunto semplicemente “Sei strepitoso”.


Bella senz’anima e A mano a mano sono stati i due brani da lui interpretati nella finale e che hanno incantato proprio tutti, compresa la sua severissima coach Loredana Bertè, che si è dovuta ricredere sulle sue doti puntata dopo puntata, affermando poi dopo la sua ultima esibizione di domenica “Mi hai scorticato il cuore”.


Questo è davvero l’epilogo di una vera favola, e l’esempio che non bisogna mai demordere, mai mollare i propri sogni. Erminio ci ha dimostrato, rimettendosi in gioco all’alba dei 60 anni, che, seppur nella vita capitano alcune avversità che ci fanno rallentare il nostro cammino, queste devono essere considerate solo dei dettagli, delle sbavature che con tenacia e perseveranza possono essere sempre superate. La cosa importante è mettersi sempre in gioco per poter spianare il nostro cammino puntando la direzione dei nostri obiettivi.

Ora Sinni sarà ospite nel Capodanno di Amadeus, pubblicherà una cover, e, chissà, forse sarà finalmente considerato dagli autori di Sanremo, il suo sogno nel cassetto di sempre.


Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *



Traccia corrente

Titolo

Artista

Show attuale

NonSoloClassifica

19:00 20:00

Show attuale

NonSoloClassifica

19:00 20:00