Ascolta Onda Web Radio

Diamo voce a chi non ha voce

Traccia corrente

Titolo

Artista


Povertà, piaga dilagante della società moderna

Scritto da il 18 Maggio 2020

La povertà, tema da sempre scottante e che si riflette ogni giorno nella società moderna. Già, ma occorre sottolineare dati importanti circa il suo dilagarsi. Tendiamo oggi nella società del consumismo a non pensare simili fenomeni,quasi a volerli esorcizzare, ma incombono sempre di più…Ma approfondiamo meglio: negli ultimi anni, proprio mentre a livello globale la povertà andava riducendosi, nei Paesi più avanzati abbiamo assistito a nuove disuguaglianza sociali, il borghese da un lato, il povero dall’altro.

Secondo dati Istat del 2018 in Italia ci sono ben 2 milioni di poveri, di cui la maggior parte concentrati al Sud: dati che, nonostante siano trascorsi 2 anni, non tendono a migliorare, anzi.
Victor Hugo diceva: “C’è più miseria tra le classi inferiori di quanta umanità vi sia in quelle superiori” … Da questa sua affermazione si evince un concetto base, valido per la sua epoca ma purtroppo ancora oggi molto attuale: la disuguaglianza sociale. Tutti noi oggi tendiamo a seguire la moda, ad avere il cellulare sempre nuovo, a vestire secondo la tendenza propinate dalle Influencer Non vediamo o non vogliamo vedere famiglie che non riescono ad arrivare alla fine del mese, che non possono permettersi vestiti di lusso o cellulari alla moda, padri che soffrono nel vedere i propri figli non crescere come i propri coetanei e che magari nascondono le lacrime nel silenzio. Tutto ciò porta a ghettizzare, ad emarginare l’altro, a considerarlo diverso, inferiore.
Esistono numerosi centri di accoglienza e di carità in Italia e nel mondo per garantire quantominimo un piatto caldo alle persone indigenti ( ricordiamo le varie Caritas ad esempio ), gestiti da veri Angeli della Strada, volti a donare con i loro gesti un sorriso ai nuovi poveri. Crescono infatti le richieste e soprattutto in questo periodo nero di pandemia dove la povertà aumenta sempre di più; si susseguono poi gesti di solidarietà in varie zone d’Italia: ricordiamo come ad esempio a Napoli è stato creato il Paniere della Solidarietà, veri cesti sospesi ai balconi dove chi ha può metterci beni di prima necessità ( cibo, indumenti ) e chi invece ha bisogno può prendere liberamente. Iniziativa poi copiata ( in senso positivo ) anche da altre città tipo Genova e Milano e che ha riscosso molto successo sotto il profilo solidarietà.

Il tema povertà è un’occasione di riflessione per tutti noi … Siamo davvero sulla Terra per avere, per accumulare con ingordigia beni materiali, fingendoci solidali e cristiani andandoci a battere o piett int ‘a chiesa a ‘mo delle donne di una volta uscendo poi dal luogo sacro restando freddi dentro, o è il caso di passarci tutti una mano sulla coscienza ed esprimere solidarietà concreta, con gesti concreti a chi è meno fortunato di noi?