Suggestioni all’imbrunire termina il suo percorso… un viaggio tra musica e teatro, un percorso denso di emozioni, profumi, suoni e colori, dove la natura e la storia hanno sfoggiato in modo vanitoso la loro imbarazzante bellezza.

La rassegna si è svolta a Napoli al Parco Archeologico del Pausilypon. Giunta alla sua X Edizione, la manifestazione, ideata e curata dal Centro Studi Interdisciplinari Gaiola Onlus, d’intesa con la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per il Comune di Napoli e con il patrocinio morale del Comune di Napoli e la Regione Campania.

Una raffinata similitudine tra il percorso artistico e la grotta di Seiano, budello di ingresso dell’antica Villa D’Otium, del I Sec a.C., di Publio Vedio Pollione.

La rassegna parte come un viaggio emozionante lungo la grotta, prosegue lineare, alto, ricco di dettagli e mistero, dove gli artisti fanno da ponte tra la natura e la storia, attraverso la “parola”, le “percussioni”, le “vibrazioni” ed i “silenzi”.

I silenzi, sfiorati solo dai canti dei gabbiani hanno testimoniato il rigoroso rispetto che il pubblico ha riconosciuto a tanta bellezza.

Tutto è stato reso possibile grazie al Centro Studi Interdisciplinari Gaiola onlus che sotto la direzione artistica di Serena Improta, il contributo dell’orchestra del mare diretta dal maestro Francesco Capriello, i volontari e degli sponsor che hanno reso queste serate indimenticabili.

Articolo a cura di Michelangelo Napolitano
Fotografia di Maurizio De Costanzo